Partenone riassunto: Atene storia antica e moderna

Partenone riassunto. Il Partenone di Atene ha una storia antica gloriosa ma una storia moderna molto travagliata. In questo articolo “Partenone Riassunto” elenchiamo tutte le vicissitudini relative al Partenone a partire dal 1400. Se vuoi invece un riassunto della storia antica precedente tale data leggi il seguente articolo: Il Partenone di Atene tra fascino storia e saccheggi.

Partenone riassunto: i primi studi del Partenone

Partenone riassunto: di seguito il riassunto dal 1436 al 1674

  • 1436 Ciriaco di Ancona, un viaggiatore arriva ad Atene. È il primo europeo a studiare e fare schizzi del Partenone. Tra gli altri, ritrae parte del blocco V dal fregio che giace a terra.
  • 1456 Gli Ottomani conquistano Atene. Il sito dell’Acropoli viene utilizzato come abitazione mentre il Partenone viene convertito in una moschea.
  • 1670 Poseidone è ancora sul frontone occidentale del Partenone.
  • Nel 1674 viene raffigurato dal pittore Jaques Carrey o, secondo altri, Arnould De Veuz.
  • 1674 L’ambasciatore francese Marquis de Nointel visita Atene. È accompagnato dal pittore Jacques Carrey o secondo altri Arnould de Veuz, che disegna il fregio est sul posto, con l’esclusione del blocco V, che è stato rimosso dal monumento.

Partenone Riassunto: L’assedio dei Veneziani

Partenone riassunto: dal 1687 al 1765.

  • 1687 I Veneziani assediano l’Acropoli che è sotto l’occupazione turca. Un proiettile di artiglieria colpisce il Partenone, che viene usato dai turchi come polveriera e dà fuoco a un’esplosione colossale. Il monumento trema ed è ampiamente danneggiato. Il fregio est collassa.
  • 1687 Nonostante la potente esplosione, Poseidone rimane sul monumento.
  • 1688 Francesco Morosini, comandante ammiraglio dei Veneziani, cerca di rimuovere i cavalli e le statue di Poseidone dal frontone occidentale per trasportarli a Venezia. L’operazione non va a buon fine, le statue cadono a terra e si frantumano.
  • Francesco Morosini scrisse: “Fu fatto un tentativo di rimuovere il grande frontone ma cadde dall’enorme altezza ed è un miracolo che nessun lavoratore si sia fatto male”.
  • 1765 Il pittore William Pars realizza degli schizzi dei blocchi del fregio orientale che possono essere individuati tra le rovine. Il blocco VII è assente dal suo disegno.

I Francesi ed il Partenone

Partenone riassunto: dal 1784 al 1798.

Annuncio Pubblicitario
  • 1784 Il conte Marie-Gabriel de Choiseul-Gouffier viene nominato ambasciatore di Francia presso Costantinopoli. Esprime vivo interesse per la raccolta di materiale per il suo secondo volume del libro del viaggiatore.
  • 1786 Gouffier invia ad Atene l’artista L.F.S. Fauvel con l’intento originale di disegnare degli schizzi e di modellare calchi di antichi manufatti.
  • 1789, 25 gennaio Fauvel scopre il blocco VII durante gli scavi nel portico orientale del Pathenon. Ciò accese il desiderio di Gouffier di ottenere importanti antichità. “Prendi tutto ciò che puoi. Non trascurare alcuna opportunità perché qualsiasi cosa sia saccheggiabile ad Atene e nel suo territorio, mio ​​caro Fauvel. Non risparmia né i morti né i vivi.”
  • Il blocco VII viene trasportato al Pireo con l’aiuto di 20 uomini e 3 coppie di buoi. Una volta lì, viene segato per minimizzare il suo peso (inizialmente aveva una larghezza di circa 60 cm ed è ridotto a 12,5 cm), caricato su una nave e arrivato a Marsiglia.
  • 1798 Il blocco arriva al Louvre e rimane per 4 anni nei giardini di Infanta. Napoleone è impressionato dalle figure in rilievo e ordina che il blocco non debba essere restituito a Gouffier, ma esposto al Museo. Il blocco viene visualizzato nella “Salle des Saisons” nel 1802.
  • Al Louvre modellano l’antica superficie nel tentativo di ripristinare e completare il rilievo.
  • Oggi il blocco VII è esposto in modo prominente nel Museo del Louvre.
  • Parte del blocco VII, scoperto durante gli scavi dell’Acropoli, è esposto nel Museo dell’Acropoli attaccato al resto del calco in gesso del blocco.
Partenone riassunto Atene storia antica e moderna

Il Partenone e gli Inglesi

Partenone riassunto: dal 1799 al 1800.

  • 1799 Thomas Bruce, settimo Lord of Elgin, viene nominato Ambasciatore di Sua Maestà Brittannica a Costantinopoli al fine di rafforzare i rapporti tra l’Impero Ottomano e la Gran Bretagna.
  • 1800 Elgin organizza una missione ad Atene per, come è stato dichiarato ufficialmente, studiare, disegnare e realizzare calchi delle sculture del Partenone. Il gruppo comprende architetto, stampatori e il pittore Feodor Ivanovitch. Il pittore della corte Don Giovanni Battista Luisieri è stato scelto per guidare la missione.
  • Il fervido desiderio di Elgin di ottenere le sculture originali emerge molto presto e provoca il saccheggio incontrollabile dell’Acropoli. Usando la sua influenza politica e corrompendo generosamente i funzionari si assicura la concessione delle autorità. La rimozione ed il trasporto delle iscrizioni, delle sculture e dei membri architettonici dell’Acropoli inizia nel luglio del 1801 e dura 4 anni.
  • 1801, agosto. Luisieri, seguendo l’ordine di Elgin, acquista e demolisce le case turche sul lato ovest del Partenone ed inizia a scavare. Tra le altre cose, il busto di Poseidone, senza il suo petto, viene alla luce.
  • 1801, 27 dicembre. Il torso viene caricato a bordo di una nave destinata ad Alessandria. Nel 1812 raggiunge Londra e dal 1817 è esposto nel British Museum.
  • 1835 Durante gli scavi sull’Acropoli tra le rovine sul lato ovest del torace di Poseidone viene alla luce. Oggi il petto di Poseidone è esposto nel Museo dell’Acropoli, attaccato al calco in gesso del busto.
  • 1802 settembre. Il blocco V del fregio orientale, che giace a terra, viene segato per diminuire il peso. Durante il trasporto si rompe in due pezzi.
  • 1802 16 settembre. Il blocco viene imballato e caricato sul brigantino Mentore.
  • Durante il viaggio la nave viene colpita da una tempesta, cerca di raggiungere il porto di Avlemonas in Citera ma affonda. Oggi la ricerca archeologica è condotta sul sito da eforato di antichità subacquee.
  • 25 ottobre 1802, Elgin invia una lettera a Emmanuel Kalautsi, il console britannico, chiedendogli di recuperare il carico, che definisce “pietre senza valore” al fine di garantire la proprietà.
  • 1804-1805 Il recupero del carico è completato. I manufatti del naufragio vengono caricati a bordo della nave e continuano il loro viaggio in Inghilterra. Il blocco V arrivò a Londra attraverso Malta.
  • Il palazzo della Duchessa di Portland funge da primo spazio di archiviazione. Successivamente i blocchi, insieme al resto dei manufatti, vengono trasferiti nella dimora del Duce di Richmond, la residenza di Elgin a Park Lane e infine a Burlington House.
  • 1801, 31 luglio. Elgin inizia a staccare le metope del lato meridionale del Pathenon. Metope 27 è il primo da rimuovere. La procedura è descritta e documentata dall’inglese E. Dodwell, testimone oculare.
  • “Ho visto diverse metope all’estremità sud-orientale del tempio abbattute. … era necessario gettare a terra il magnifico cornicione con cui erano coperti”.
  • Dopo la sua rimozione dal Partenone, la metope viene temporaneamente immagazzinata nella casa di Sp. Logotheti ad Atene, in via Areos 14 a Monastiraki. Finisce in Inghilterra nel 1802.
  • La rimozione degli oggetti dall’Acropoli è una procedura estremamente dolorosa poiché i Propilei sono stati murati e l’unico modo possibile per trasportare le cose giù dall’Acropoli è attraverso uno stretto corridoio sconclusionato.
  • La difficoltà nel rimuovere gli oggetti porta alla segmentazione delle opere d’arte sovrappeso e antiche, come la capitale dorica dal lato nord del Partenone, che Luigi Luisieri scoprì tra le rovine.
  • Lettera da Luisieri a Elgin: “Prenderò anche un capitello dorico dal Partenone, ma è necessario segarlo in due … Le porte della cittadella non sono abbastanza larghe da lasciarlo passare.
  • Il capitello, dopo essere rimasto nel Pireo per anni, viene trasferito a Malta. Nel 1812 arriva in Inghilterra ed è conservato a Burlington House.
  • Dal 1817 il capitello è esposto al British Museum.

La vendita al British Museum

Partenone riassunto: Lord Elgin vende la sua collezione al British Museum che viene così in possesso delle opere del Partenone.

  • 1815-1816 Lord Elgin suggerisce allo stato britannico l’acquisto della sua collezione. Nel giugno del 1816, 200 anni fa, in seguito alla ricostruzione di un comitato ristretto per quanto riguarda le circostanze in cui i manufatti furono acquisiti e il valore artiscico della collezione, la House od Common, con un risultato di voto di 82 un favore e 30 contro, decide per acquistarlo per £ 35000.
  • 1889 Parte del blocco V con la testa di Iris viene scoperta nella parte sud-occidentale del Partenone, costruita all’interno di un muro bizantino.
  • 1962 Il British Museum apre una nuova sala nella Duveen Gallery, che ospita le sculture del Partenone.

La storia Moderna

Partenone riassunto: dal 2009 al 2012.

  • 2009 Il Nuovo Museo dell’Acropoli mostra il frammento originale della testa di Iris, che non ha mai lasciato la Grecia, attaccato a un calco in gesso del blocco.
  • Nel giugno 2012 l’ultima metope meridionale rimasta sul monumento è stata accuratamente rimossa dal Servizio di restauro dell’Acropoli, che sarà presentato e messo in mostra nel Museo dell’Acropoli.

Partenone Riassunto end….

Articoli Correlati:

Annuncio Pubblicitario
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Translate »
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x